Attorno alle mura di Verona, patrimonio UNESCO

Trekking urbano

Il trekking urbano è un nuovo modo di intendere il turismo: può conciliare la curiosità di vedere Verona con il piacere di fare un’attività fisica alla portata di tutti e all’aria aperta. È una forma di turismo sostenibile, libero e a passo leggero che privilegia la visita di Verona e dei suoi angoli più nascosti e meno noti.

Questa visita guidata permette di percorrere una parte delle ampie mura di Verona, e allo stesso tempo di ripercorrere la variegata storia della città e ammirare scorci spettacolari e inaspettati.

Lo sapevate che Verona è iscritta nelle liste dell’UNESCO anche grazie alle sue mura?

Il centro storico di Verona è stato iscritto nella Lista del Patrimonio Mondiale UNESCO sulla base dei seguenti criteri:

Criterio (ii): Per la sua struttura urbana e per la sua architettura, Verona è uno splendido esempio di città che si è sviluppata progressivamente e ininterrottamente durante duemila anni, integrando elementi artistici di altissima qualità dei diversi periodi che si sono succeduti;

Criterio (iv): Verona rappresenta in modo eccezionale il concetto della città fortificata in più tappe caratteristico della storia europea.

(cit. sito Comune di Verona)

L’ITINERARIO DELLA VISITA GUIDATA

Questo di seguito è l’itinerario completo, della durata di circa 4 ore (incluse le soste per le spiegazioni). Se ne può scegliere anche solamente una parte, a seconda del tempo a disposizione.

Partiremo da Porta Nuova, vicino alla stazione: fu realizzata da Michele Sanmicheli, uno dei più abili e ingegnosi architetti urbanisti del Rinascimento italiano, che la concepì proprio come fulcro del nuovo sistema di fortificazione della città. Da Porta Nuova parte un ampio rettilineo che attraverso i portoni della Bra giunge all’Arena.

Ma noi ci dirigeremo invece verso ovest e costeggeremo i bastioni, che oggi offrono una passeggiata tra il verde dei giardini pubblici, al limitare del centro cittadino. Lungo le mura si scorgono le tracce degli avamposti militari utilizzati nelle varie epoche storiche, fino ad arrivare alla tappa successiva: Porta Palio.

Anche questa fu opera di Sanmicheli, in bilico tra Classicismo, Rinascimento e genio militare.

Il nome “palio” deriva da una tradizione antichissima, ma ancora oggi celebrata: fin dai tempi di Ezzelino II, il temibile podestà di Verona del XIII sec., si correvano in quest’area un palio a piedi e uno a cavallo, con tanto di premi a dir poco originali!

Proseguiremo verso Porta di San Zeno, proprio nei pressi dell’omonima abbazia, che accoglieva i viaggiatori provenienti dal Brennero.

Ci inoltriamo quindi in città e passiamo sul sagrato dell’abbazia romanica di San Zeno (è possibile prevedere una visita, anzi: consiglio proprio di inserirla in programma, San Zeno conserva opere straordinarie!), costeggiamo l’Adige su cui si affacciano scorci magnifici sulle colline veronesi.

Arriviamo quindi a Castelvecchio, un enorme manufatto rosso mattone, costruito dagli Scaligeri a ridosso dell’Adige per sorvegliare il fiume e per difendersi dai nemici. Castelvecchio oggi ospita la Pinacoteca civica, una splendida raccolta di dipinti di arte veneta dal Medioevo fino all’età moderna.

A fianco dell’Arco dei Gavi percorriamo un tratto dell’antica via Postumia fino ad arrivare ad un altro magnifico manufatto romano: Porta Borsari, realizzata dai Romani vicino tempio dedicato a Giove Lustrale, è oggi l’ingresso all’affascinante centro storico di Verona.

Arriviamo quindi in piazza delle Erbe, giusto in tempo per una meritata sosta in pasticceria. Qui vicino si trovano la Casa di Giulietta, la piazza dei Signori e le Arche Scaligere, i monumenti funerari degli Scaligeri che governarono Verona nel Medioevo: delle vere e proprie opere d’arte gotica puntate verso il cielo che ancora dopo secoli nascondono sospetti e misteri….

Passeremo davanti al Duomo di Verona, altro imponente esempio di arte medievale e ci soffermeremo nel Chiostro Capitolare, per cercare di risolvere un enigmatico indovinello, che fin dall’VIII secolo arrovella le menti dei visitatori di Verona….sarete proprio voi a svelarlo?

Ritroviamo nuovamente l’Adige che ci ha accompagnato fin qui e terminiamo a Ponte Pietra. Di fronte a noi si scorge il Teatro Romano, d’estate ancora oggi palcoscenico ideale per pièce e musica all’aperto, con la migliore scenografia che madre natura ci offre: le verdi colline circondano la città e ci lasciano il ricordo migliore della nostra visita guidata a Verona.

COSA VEDREMO IN QUESTO TOUR:
        • Porta Nuova
        • Le mura rinascimentali
        • Porta Palio
        • L’abbazia di San Zeno (biglietto d’ingresso previsto)
        • Castelvecchio
        • Porta Borsari
        • Piazza delle Erbe
        • Casa di Giulietta
        • Arche Scaligere
        • Cattedrale di Verona
        • Chiostro Capitolare
        • Ponte Pietra

Durata: se si sceglie l’itinerario completo, circa 4 ore

Galleria fotografica